Compra il libro su Amazon

Storie di scuole povere

La scuola che c’è è così.
Essenziale, parca di consigli, ma ha le sue materie.
La matematica è sempre la più ostica, anche nella pagina da voltare in fretta nel grande libro delle cose del mondo.
A far di conto si impara molto presto e i maestri sono in molti.
Tutti, diciamo pure.
Tutti si sentono in diritto di interrogarti, di metterti alla prova.
E’ un esame senza fine.
Questa è la guerra, un esame che ha l’ora d’inizio ben chiara, scritta sulla lavagna a caratteri cubitali, così grandi, talmente ingombranti, che non v’è spazio per alcunché.
Figuriamoci l’ora della fine.
La letteratura è un piacere, davvero.
Leggere e scrivere sono il vero tesoro della giovane sopravvivenza.
Scoprire parole tra un’esplosione e l’altra, che il più delle volte sono verbi.
Ovvero, azioni, rapide e indispensabili, da coniugare con abilità che neanche sapevi di avere, a quell’età.
Come correre e saltare, dimenticare e soprattutto mangiare.
Tutto in fretta.
E poi, se c’è ancora tempo, tatuare i preziosi ricordi sulla carta che c’è, esattamente come la scuola.

Leggi il resto

Commenti

Alessandro GhebreigziabiherStorie di scuola di Alessandro Ghebreigziabiher, scrittore, attore e regista teatrale.

Temi: storie di scuola, storie di scuola elementare, storie sulla scuola, banco e storie di scuola, racconti di scuola elementare, racconti di scuola divertenti, racconti di scuola media, racconti di scuola primaria, favole sulla scuola, storie sulla scuola per bambini, racconti sulla scuola per bambini