Passa ai contenuti principali

Storie di scuola: natale dei bambini stranieri

Era dicembre e il maestro, venuto a conoscenza delle numerose polemiche su come e se festeggiare il Natale nelle scuole affette dal pericoloso virus della stranierità, decise di intraprendere una via suggestiva.
Originale, direi.
Spiegare il Natale ai propri alunni, come già detto, tutti stranieri.
“Care bimbe, cari bimbi, tra pochi giorni sarà Natale. Il giorno in cui il paese dove viviamo celebra una festa cristiana, a ricordo della nascita di Gesù.”
“Maestro?” domandò un’alunna dalla carnagione, di questi tempi e in questi luoghi, tutt’altro che vantaggiosa.
“Sì?”
“Perché il paese in cui viviamo celebra una festa cristiana?”
Il maestro non si aspettava cotanta perspicacia.
“Perché fa parte delle nostre tradizioni e della nostra cultura. E’ la storia del paese in cui viviamo”, rispose ispirato.

Leggi il resto

Commenti