Passa ai contenuti principali

Storie di scuola: insegnante di sostegno

Sarà forse per questo che ho accettato di fare l’insegnante di sostegno con un bambino di sette anni, il quale, nella sua seppur breve esistenza, di parole ne avrà pronunciate al massimo un centinaio.
A dire tanto, mi disse la madre.
Mi piacque subito, questa cosa, perché malgrado il mio motivo non sia ritenuto un vero e proprio disturbo, una timidezza di proporzioni bibliche non è certo un punto di forza, nella vita.
L’ho detto, però, vero?
Non sono un esempio e non sono altrettanto esemplari le ragioni della mia scelta lavorativa.
Insegnante di sostegno…

Leggi il resto

Commenti